Psicologa Psicoterapeuta | Reggio Emilia

Ambiti d'intervento

Disturbi sociali, aggressività, bullismo

  • Home
  • Disturbi sociali, aggressività, bullismo Reggio Emilia
Disturbi sociali, aggressività, bullismo a Reggio Emilia

Il Bullismo: gestione e prevenzione

Cosa è il bullismo?

Il termine italiano "bullismo" è la traduzione letterale della parola inglese "bullying", termine ormai comunemente usato nella letteratura internazionale per indicare il fenomeno delle prepotenze ripetute tra pari.

Possiamo dire di assistere ad una relazione di questo tipo se:

  • avvengono prepotenze intenzionali di tipo verbale, psicologico, fisico o elettronico;
  • queste prepotenze non sono occasionali bensì reiterate nel tempo e riguardano sempre tra gli stessi soggetti;
  • tra i protagonisti esiste uno squilibrio di forze tale per cui chi è oggetto di prevaricazioni è più debole e non è in grado di difendersi da solo.

Il bullismo è una tipologia di comportamento aggressivo che mira deliberatamente a fare del male o danneggiare e presenta le seguenti caratteristiche:

  • Intenzionalità: colui che mette in atto la prepotenza sceglie consapevolmente di aggredire un soggetto più debole per trarne un vantaggio personale in prestigio, rispetto e, in alcuni casi, somme di denaro e oggetti di valore.
  • Peristenza: sebbene anche il singolo episodio possa essere considerato una forma di bullismo, questo comportamento è caratterizzato dalla ripetitività di comportamenti di prepotenza protratti nel tempo.
  • Asimmetria di potere: la sopraffazione avviene all’interno di una situazione in cui vi è una forte disparità di potere, dovuta alla differenza di forza fisica, di età, o di numerosità nel caso di aggressioni perpetrate da un gruppo. In ogni caso il bersaglio delle azioni prevaricanti ha difficoltà a difendersi, trovandosi in una situazione di impotenza rispetto a colui o coloro che lo vessano.

Il bullismo può assumere svariate forme, alcune evidenti ed esplicite altre invece più sottili e sfuggenti all’osservazione. Per tale motivo è possibile distinguere tra:

  • Bullismo fisico per indicare quei comportamenti che ricorrono all’uso della forza o del contatto fisico.
  • Bullismo verbale che include gli insulti, le derisioni, le ripetute prese in giro, le affermazioni razziste o discriminatorie, le offese, i ricatti e le minacce.
  • Bullismo indiretto che comprende comportamenti che non richiedono un contatto diretto tra vittima ed aggressore e che comprende: l’esclusione intenzionale della vittima dal gruppo, l’isolamento, il rifiuto ad esaudire le richieste, l’ostracismo, la diffusione di pettegolezzi, dicerie e storie offensive.

Il comportarsi da bullo o da vittima non è una tendenza passeggera, in mancanza di interventi intenzionali ed efficaci per porvi rimedio, tali comportamenti rimarranno stabili nel tempo e tenderanno a diffondersi nei diversi contesti.

Le vittime dei bulli hanno vita difficile, possono sentirsi oltraggiate e perdere il desiderio di andare a scuola. Nel corso del tempo è probabile una perdita di autostima e sicurezza. Questo disagio può influire sulla concentrazione e sulla qualità dell’apprendimento, inoltre chi ha subito insistentemente comportamenti vessatori ha più probabilità, da adulto, di soffrire di episodi depressivi. Le conseguenze negative a lungo termine sono inoltre presenti anche per coloro che mettono in atto i comportamenti bullistici con un incremento significativo della probabilità di venire condannati da adulti per comportamenti antisociali.

Il bullismo è una dinamica di gruppo

Il bullismo non è un problema portato da un ragazzo o una ragazza difficili da contenere.
Non è neppure la difficoltà di una persona debole che "non sa farsi rispettare".
Il bullismo riguarda un gruppo e come tale deve essere considerato.
Il riferimento al gruppo è importante per almeno due buoni motivi:

  1. chi agisce o riceve prepotenze può essere un singolo ma più spesso è un gruppo di persone, ma soprattutto
  2. queste dinamiche si affermano all'interno di un gruppo che comprende, oltre ai bulli e alle vittime, anche un buon numero di persone che apparentemente non sono direttamente coinvolte ma sanno quello che sta succedendo e possono prendere posizione.
Attenzione alle dinamiche di gruppo

Il bullismo è più frequente dove i bambini o i ragazzi stanno insieme senza scegliersi, come in una classe, su un mezzo di trasporto casa-scuola o in altre situazioni simili. In casi come questi i ragazzi non sono ancora un gruppo, possono diventarlo.

Non è un caso se il bullismo è presente soprattutto nei gruppi di nuova formazione, ad esempio al primo anno delle secondarie di primo grado più che al terzo, e al primo anno di "scuola superiore" più che negli anni successivi. È il momento in cui i ragazzi non hanno ancora trovato un modo per stare insieme, si stanno sperimentando. Possono farlo attraverso dei rapporti di forza o di collaborazione. L'esito dipende molto dall'ambiente in cui vivono, dall'impronta che gli adulti danno allo stare insieme.

Le maggiori potenzialità sono nelle mani degli insegnanti. Solo loro vedono il gruppo tutto insieme e trasmettono al gruppo dei messaggi, anche involontari, su come si sta insieme.

Impiegare un po' di tempo per curare i rapporti tra i ragazzi, soprattutto nelle prime classi, non dovrebbe essere considerato una perdita di tempo ma un investimento. Una classe dove si sta bene, dove nessuno ha paura, dove i conflitti vengono affrontati, è anche una classe dove è più facile insegnare e imparare.

I luoghi del bullismo

I contesti in cui le prepotenze avvengono con maggior frequenza sono gli ambienti scolastici: le aule, i corridoi, il cortile, i bagni e in genere i luoghi isolati.

Altri luoghi a rischio sono i pulmini, i bus, i treni impiegati nel tragitto scuola-casa, perchè in essi i ragazzi si ritrovano ripetutamente per un tempo a volte anche piuttosto lungo e nella sostanziale assenza di adulti.

Può sembrare strano che, a scuola, proprio le aule siano tra i luoghi più indicati da bambini e ragazzi vittime di bullismo. Spesso le prepotenze avvengono nel cambio dell'ora o comunque di momenti in cui l'insegnante non è presente e non può accorgersi di nulla. Ma non è sempre così.

Ci sono prepotenze che si fanno di nascosto, come le aggressioni fisiche o le estorsioni, ed altre che potrebbero essere intercettate dall'insegnante ma spesso vengono scambiate per scherzi tra ragazzi. È il caso tipico delle esclusioni dal gruppo o delle prese in giro ripetute.

Alcuni esempi di prepotenze

Diciamo che un ragazzo o una ragazza subisce prepotenze quando un altro studente o un gruppo di studenti:

  • lo/a prendono in giro, gli/le dicono frequentemente cose cattive e spiacevoli, lo/la chiamano con nomi offensivi, lo minacciano (bullismo verbale);
  • lo/la lo/la ignorano o escludono completamente dal loro gruppo, non lo/la coinvolgono di propos it o, mettono in giro false voci sul suo conto, o alcuni compagni fanno in modo che nessuno stia in banco con lui/lei, lo/la inviti alle uscite extrascolastiche, trascorra con lui/lei l'intervallo... (bullismo psicologico);
  • lo/la colpiscono con colpi, calci o spinte, o viene molestato/a sessualmente (bullismo fisico)
  • gli inviano messaggi molesti tramite sms o in chat, oppure viene fotografato o filmato in momenti in cui non desidera essere ripreso e poi le sue immagini vengono inviate ad altri per prenderlo in giro, per diffamarlo, per minacciarlo o tormentarlo (cyberbullying, ovvero bullismo elettronico);
  • parliamo ancora di prepotenze quando qualcuno viene costretto a dare del denaro, o la merenda, o a fare cose che non vuole fare (es. passare i compiti, o rubare...), o gli viene portato via o danneggiato il materiale scolastico, gli abiti, il cellulare...
Ma allora tutte le prepotenze sono bullismo?

Sentiamo già qualcuno di voi che sta pensando "Ma allora non si può più neanche scherzare...!", "Vuoi vedere che adesso tutta l'aggressività dei ragazzi si chiama bullismo!?"

No, non tutta. Solo quella che si esprime con prepotenze ripetute, tra le stesse persone, tra le quali è riscontrabile una disparità di forze.

Facciamo un esempio semplice.

Le prese in giro sono uno scherzo divertente. Spesso. Quando è così, tutte le persone coinvolte ridono e si divertono sinceramente, sia quelle che prendono in giro, sia la persona di cui si parla. Qualche volta prendersi in giro è anche un modo per riconoscersi, un segno di affetto.

Se però un alunno viene preso in giro ogni giorno, per tanti giorni, con lo stesso nomignolo assurdo, o sottolineando costantemente una sua difficoltà o un suo difetto, e quel ragazzo sta male per questo ma non è capace di difendersi, allora sì, quella che abbiamo di fronte è una situazione di bullismo.

Quello che il bullismo non è

Con questa semplice "prova del nove" - prepotenze intenzionali, ripetute, in squilibrio di forze - possiamo sempre verificare se stiamo parlando di bullismo oppure no.

Facciamo qualche esempio:

  • Se due ragazzi si prendono in giro vicendevolmente, ridono e si divertono insieme, quello che fanno non è bullismo, è uno scherzo e un gioco.
  • Se due ragazze discutono perchè rivali in amore, o se due ragazzi fanno la lotta perché hanno litigato, tra loro c'è un conflitto che può anche diventare violenza ma non è bullismo, perchè non si ripete nel tempo e non c'è uno squilibrio di forze evidente tra i due contendenti.
  • Se alcuni ragazzi entrano di notte nella loro scuola, la allagano, la danneggiano o portano via delle cose, non stanno facendo bullismo. Si chiama vandalismo, e si rivolge alle cose.
Perchè è importante capire bene di che si tratta

Perchè le parole hanno un loro significato e un loro valore.

Perchè dare il giusto nome alle cose è una premessa per stare con gli altri in modo appropriato: non vorremmo mai drammatizzare gli scherzi scambiandoli per prevaricazioni ma neppure minimizzare i reati; non vorremmo intervenire su tutti i conflitti tra ragazzi ma neppure sottovalutare il bullismo.

Conoscere e riconoscere il bullismo rispetto ad altre manifestazioni di aggressività o di conflitto è essenziale per prevenirlo o contrastarlo in modo appropriato ed efficace.

Il bullismo è nel tempo. Come l'intervento educativo

Ormai è chiaro che il bullismo non è un atto episodico, ma una relazione. Le prepotenze si ripetono nel tempo, ed è proprio questo a fare male. Ma il tempo è anche lo spazio dell'intervento educativo. Mentre le azioni episodiche si possono solo interrompere o denunciare, un abuso di potere può essere "trattato" con questi mezzi e con altri ancora che riguardano la relazione educativa, quindi cercando di far riflettere le persone, provando a comprendere perchè il loro rapporto si basa sulla forza, modificando lo squilibrio di potere, coinvolgendo altri ragazzi o adulti...

Sfatiamo alcuni luoghi comuni

Molti dicono che...

...il bullismo è sempre esistito.
È vero, ma questa non è una buona ragione perchè debba esistere per sempre.

...il bullismo esiste solo nei contesti degradati.
Non è vero. Il bullismo è un modo di stare in gruppo e può stabilirsi in tutti i quartieri, in tutte le città, in tutti i contesti sociali o culturali.

Se il bullismo può essere ovunque, cambiano le prepotenze tra i ragazzi: ci sono luoghi dove le aggressioni fisiche sono molto diffuse, altri contrassegnati dalle prese in giro o dalle esclusioni. Ma la natura del bullismo non cambia.

...il bullismo è una questione tra maschi.
Non è vero. Anche le ragazze fanno e subiscono prevaricazioni, tra loro e con i compagni dell'altro sesso.

...il bullismo è un virus in un corpo sano, una "malattia della scuola".
Se questo fosse vero, il bullismo dipenderebbe da questioni esterne - per es. le difficoltà in famiglia, la perdita di valori... - e la scuola sarebbe solo il teatro delle prevaricazioni.

Non è del tutto vero. Le influenze familiari, sociali, mediatiche sono molto forti, ma anche l'ambiente scolastico ha la sua importanza.

Le regole della scuola, il modo che gli insegnanti hanno di rapportarsi ai ragazzi, il dialogo scuola-famiglia, il coinvolgimento dei collaboratori scolastici, la possibilità o meno di affrontare i problemi quando si presentano... sono tutti fattori che fanno la differenza.

...il bullismo è un'esperienza che rende forti
Per qualcuno forse è così. Per tutti è un'esperienza che fa male.

...solo la violenza fisica va contrastata, le altre sono cose da poco
E come si fa a dirlo? Nessuno può stabilire a priori quali forme di prevaricazione sono più pesanti delle altre, perchè molto dipende dalla personalità dei protagonisti. Una situazione è grave o meno a seconda di come viene vissuta.

... gli adolescenti possono fare i bulli, i bambini no.
Non è proprio così. Il fenomeno del bullismo viene studiato in tutto il mondo fin dalle scuole primarie e, i suoi presupposti, addirittura nelle interazioni libere tra bambini quando sono ancora molto piccoli.

Certo il bullismo dei bambini e quello degli adolescenti non è uguale.

In genere possiamo dire che nella scuola primaria parlare di bullismo ha un senso a partire da quando la dimensione del gruppo diventa importante per i protagonisti. Intorno agli otto o nove anni le relazioni di prepotenza verso i deboli possono essere moltissime ma più fluide di quanto accadrà in futuro, cioè con ruoli meno fissati, e con forme tipiche dei bambini di quell'età, legate all'aggressività fisica ma, in moltissimi casi, di intensità non troppo grave.

Col crescere dell'età il coinvolgimento nel bullismo si riduce di numero ma diventa più importante. Sono di meno, percentualmente, i ragazzi v it tima, ma ciò che subiscono ha una intens it à maggiore e può lasciare conseguenze più gravi, anche per l'importanza che il gruppo riveste nella fase dell'adolescenza.

... la scuola è impotente di fronte al bullismo
Non è vero. Ci possono essere situazioni in cui c'è bisogno di prepararsi, di formarsi, di acquisire strumenti di intervento. Qualche volta ci si può sentire impotenti, e sicuramente contrastare il bullismo non è un compito facile. Ma decenni di ricerche, progetti, esperienze hanno messo a punto conoscenze e metodologie che possono diventare patrimonio della scuola, ed espandersi ancora.

Le conseguenze, ovvero: perchè è importante contrastare il bullismo

Perchè il bullismo fa male a coloro che lo subiscono: hanno paura, si sentono soli, sbagliati, umiliati, indifesi. Soprattutto se sono adolescenti si vergognano a chiedere aiuto fino a quando la sofferenza non è già troppo grande ed è più difficile aiutarli.

Più avanti, in età adulta, hanno maggiori probabilità di sentirsi a disagio nelle relazioni con gli altri, di soffrire di depressione e di sentirsi potenzialmente oggetto di prepotenze.

Perchè il bullismo fa male a quelli che lo compiono: si illudono di risolvere con la prepotenza tutti i confl it ti con gli altri e non utilizzano le parti migliori di sè, che potrebbero portarli a collaborare con gli altri e a farsi conoscere per quello che sono realmente; scambiano la paura degli altri per rispetto e approvazione; si fissano nel personaggio del "duro" e sentono di doverlo portare avanti anche quando non ne hanno più voglia, perchè non possono perdere la faccia.

Più avanti, in età adulta, rischiano più degli altri di volersi imporre con la forza, anche compiendo azioni illegali e andando incontro a problemi con la giustizia. In uno studio scandinavo condotto da Dan Olweus, uno dei maggiori studiosi europei di bullismo, il 60% degli studenti che tra la V elementare e la III media erano caratterizzati come bulli, all'età di 24 anni era stato in prigione almeno una volta.

Perchè il bullismo fa male a coloro che assistono senza fare niente: alcuni diventano amici del prepotente per non avere problemi, altri hanno paura di essere presi di mira in futuro, insieme imparano che l'unico valore è farsi i fatti propri, cioè non si può contare sull'aiuto di nessuno, e l'unica vera legge è quella del più forte, cioè tutti sono a rischio perchè tutti hanno dei punti deboli.

Perchè qualche volta i ruoli si ribaltano e le prepotenze si moltiplicano. Il bullismo fa male a coloro che subiscono anche perchè, soprattutto se non vengono aiutati e sostenuti da nessuno, possono decidere di riscattarsi diventando a loro volta prepotenti, scaricando sugli altri la stessa violenza che per troppo tempo hanno ricevuto, moltiplicando così la catena delle prevaricazioni.

Come si può prevenire il bullismo?

Il primo passo: fare prevenzione

La prevenzione del bullismo è il primo passo che ogni scuola può fare e realmente fa, nel momento in cui riesce a costruire relazioni educative forti e attente con i ragazzi e le loro famiglie.

Prevenire le prepotenze significa soprattutto impegnarsi sui percorsi di costruzione del gruppo, con percorsi di accoglienza nelle prime classi con episodici ma realmente di supporto alla conoscenza tra ragazzi e alla costruzione di equilibri basati sulla cooperazione e sull'apertura verso la diversità.

Tutto quello che migliora...

  • la conoscenza reciproca tra gli allievi
  • l'autostima
  • l'apertura verso la diversità
  • l'affermazione che ogni persona ha il diritto di essere rispettata
  • l'empatia, ovvero la capacità di sentire le emozioni degli altri
  • il senso di partecipazione e responsabilità verso la vita scolastica e di classe
  • l'affermazione di regole di convivenza condivise e riconosciute
  • la possibilità di affrontare i conflitti invece di negarli
  • la riduzione del pregiudizio

...è risorsa per la prevenzione del bullismo

Diversi livelli di intervento

Passando in rassegna i progetti realizzati in Italia e in Europa negli ultimi anni si possono distinguere quattro livelli di intervento, ognuno caratterizzato da diverse azioni e strategie d'intervento, ognuno con i propri punti di forza e di debolezza e con i propri limiti di applicazione.

I programmi possono essere mirati a coinvolgere:

  • i singoli individui
  • la classe
  • la comunità scolastica
  • la comunità locale
I livelli di intervento...
livelli di intervento bullismo

...con i singoli individui
Si lavora con singoli studenti (vittime o bulli) attraverso il sostegno individuale e il supporto in classe, secondo un approccio morale (giusto-sbagliato), legale (dentro-fuori dalle regole) o umanistico (comprendere invece di punire);

...con la classe
Lavoro con il gruppo classe attraverso un approccio curricolare per il potenziamento delle abilità sociali, la promozione della cooperazione e della solidarietà la consulenza e la mediazione del conflitto tra i pari;

...con la comunità scolastica
Lavoro con la comunità scolastica tramite l'elaborazione di una programmazione scolastica contro le prepotenze, in collaborazione tra scuola e famiglia, l'attivazione di tutti i soggetti che ne fanno parte. Può comprendere i due livelli precedenti;

...con la comunità locale
L'intervento con la comunità locale in un'ottica di psicologia di comunità innesca processi di ricerca-azione che approfondiscano il fenomeno in quel contesto e ne ricerchino possibili vie risolutive, nella messa in rete di tutti gli attori coinvolti.

Il lavoro sulla comunità scolastica: la politica scolastica integrata

Il bullismo non è il problema di un ragazzo sbagliato. È il frutto della dinamica di un gruppo in un contesto istituzionale, e chiama in causa tutti gli elementi del sistema. Per questo gli studi più accreditati a livello europeo parlando di politica scolastica integrata, ovvero di una strategia condivisa che metta in azione in modo concorde tutti coloro che vivono l'esperienza scolastica.

Le fasi di lavoro

La politica scolastica integrata prevede diverse fasi:

  • L'analisi della realtà
  • La sensibilizzazione di tutte le componenti scolastiche
  • Il lavoro d'equipe tra gli insegnanti
  • La formazione dei docenti
  • La costruzione di gruppi di lavoro
  • Il regolamento d'istituto
  • Esperienze di elaborazione dei regolamenti di istituto
  • I l rapporto scuola-famiglia
  • Il lavoro sul gruppo classe
  • Il supporto ai singoli alunni
  • La valutazione degli interventi

Dott.ssa Iris Guazzetti
Psicologa Psicoterapeuta - Reggio Emilia

Soffri di distrurbi sociali? Scrivimi o chiamami Contattami

Dott.ssa Iris Guazzetti Psicologa Psicoterapeuta
Reggio Emilia

declino responsabilità | privacy | cookies | codice deontologico

Iscritta all’Albo degli Psicologi dell’Emilia Romagna n. 3900/sezione A
Laurea in Psicologia università di Parma e scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo comportamentale
P.I. 02144480353

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Iris Guazzetti
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it